Come utilizzare il bianco nella palette personalizzata

Il bianco è una delle tonalità più amate, soprattutto durante il periodo estivo. Si tratta di una tonalità che, oltre a veicolare un messaggio di purezza e candore, è particolarmente versatile e, proprio per questo, utilizzata in svariate circostanze. In questo articolo parleremo di: 

  • Il bianco è davvero un non colore?
  • Il bianco ottico
  • Il bianco naturale
  • Il bianco per le spose

Il bianco è davvero un non colore?

bianco armocromia | Accademia consulenza d'immagine

Il bianco è un colore che, storicamente, rappresenta la purezza e il candore: non casualmente è scelto nella cultura occidentale come la tonalità che accompagna le spose nel giorno delle nozze. 

Se dal punto di vista culturale, quindi, il bianco ha una connotazione ben precisa gli esperti di chimica lo interpretano diversamente: viene infatti definito come il “colore acromatico” in quanto, a differenza di quanto accade per il nero, è una tonalità che respinge tutte le altre. Più precisamente, in Natura viene dato dalla sintesi additiva di tutti i colori dello spettro visibile (o di tre colori primari, ad esempio rosso, verde e blu oppure ciano, magenta e giallo). 

Inoltre, questo non colore non esiste in Natura, se non in rarissimi casi nei fiori in cui svolge il ruolo di contrasto rispetto ad altre tonalità. 

Questa premessa è funzionale e comprendere come, anche durante l’analisi del colore, il bianco sia un colore che deve essere trattato con particolare attenzione, tenendo in considerazione la sua variante “calda”  e “fredda”. 

Il Bianco ottico 

Il bianco è il colore ideale per coloro che hanno un sottotono freddo e un’alta intensità: si tratta di una tonalità che può essere usata come “jolly” negli outfit, soprattutto durante il periodo estivo. 

A differenza del bianco più caldo (es. bianco crema), può esaltare le persone che appartengono alla persona estate e alla persona inverno

In particolare, per le persone inverno è ideale indossare dei capi in bianco ottico e freddo come la neve: si può lasciare spazio nel guardaroba per le tonalità gesso, incluse quelle particolarmente brillanti. 

Al contrario, per le persone in estate è preferibile optare per le tonalità più soft ed evanescenti come i bianchi rosati o tendenti al celeste che virano al blu o al grigio: eccellente il madreperlato. 

Nella palette personalizzata, però, il bianco ottico può essere utilizzato anche da chi ha un sottotono caldo, purché il capo d’abbigliamento di questa tonalità non sia troppo vicino al viso. 

bianco armocromia | Accademia consulenza d'immaginebianco armocromia | Accademia consulenza d'immagine

H2: Il Bianco naturale 

Il bianco caldo è una tonalità di bianco che si adatta meglio a coloro che appartengono alla stagione autunno e primavera. Questa tonalità è capace di illuminare il viso della persona senza penalizzare i colori naturali. 

22d4e6634f1ac8a64e53acb528e696eb

Alle persone primavera sono consigliati il panna, l’avorio e il pesca, mentre alle persone autunno le sfumature che tendono allo champagne e al crema. 

A prescindere dalla stagione di appartenenza è opportuno ricordare che si può indossare la tonalità di bianco che si preferisce: è compito del consulente d’immagine, infatti, assicurarsi che questo colore sia inserito nella palette personalizzata in modo da valorizzare appieno le tonalità naturali della persona. 

Il bianco per le spose 

Sapere quale tonalità di bianco è capace di valorizzare al meglio il proprio fototipo consente di fare la scelta più giusta anche e soprattutto quando si vuole acquistare l’abito per il giorno più bello.

 5abe16954696d193cb23d3fba9db7fd4 Fb6f1eed357df90a7f5554873d1baae7

Le future spose, infatti, possono provare prima e indossare poi l’abito da sposa del bianco che meglio si addice alla propria stagione di appartenenza: per questo è ancora più importante, se c’è la possibilità, non solo conoscere la propria stagione, ma anche chiedere l’aiuto di una consulente d’immagine che possa offrire il proprio supporto nella scelta del vestito a 360° (includendo, oltre all’analisi armocromatica, anche quella della body shape). 

Vuoi approfondire l’utilizzo dei colori nella palette personalizzata? Scopri i nostri corsi 

Sei un aspirante consulente d’immagine e desideri imparare ad utilizzare il bianco, sfruttando al massimo le potenzialità di questo colore, inserendolo nella palette personalizzata dei tuoi potenziali clienti con maestria e versatilità? L’Accademia Consulenza d’Immagine ti offre un percorso di alta formazione per trasformare il tuo sogno professionale in realtà: a settembre comincia il corso Professional Training: non perdere questa occasione per dare concretezza alle tue ambizioni! 

Domande frequenti 

Posso indossare il bianco anche se non è nella mia palette?

Si, il bianco può essere indossato da chiunque. È compito del consulente d’immagine inserire questo colore all’interno della palette personalizzata per valorizzare appieno le tonalità naturali della persona. 

Quale tonalità di bianco sta meglio alle estate?

Alle persone che appartengono alla stagione estate dona particolarmente il bianco con le sfumature più attenuate. Se possibile, sarebbe perfetto esaltare il capo d’abbigliamento con degli accessori madreperlati. 

Quale bianco scelgo per il mio vestito da sposa?

Quando si sceglie il proprio vestito da sposa sarebbe meglio farlo sapendo che alle persone con un sottotono freddo sta meglio il bianco freddo mentre a coloro che hanno un sottotono caldo è preferibile scegliere le tonalità del pesca o dell’avorio.  

IDI: CHE-219.009.530 IVA
©2022 Accademia Consulenza Immagine

Crediti: kreas.it

Aici member logo new (1)
Logo internation color analysis bianco
Logo aif formatori

Scopri tutta l'offerta formativa dell'Accademia Consulenza di Immagine

Scarica ora l’ebook gratuito

Compila il form e riceverai il link per scaricare l'ebook!

Ilaria Marocco

Isabella Ratti

COME DIVENTARE

CONSULENTE D'IMMAGINE

LA PROFESSIONE DEL FUTURO

Un manuale esaustivo e interdisciplinare perfetto per aspiranti image consultant, personal shopper o appassionati del settore. È un concentrato dell’esperienza delle due autrici e della loro passione per la loro professione e per l’insegnamento.

Ilaria Marocco

The Business Dresscoder
Membro AICI Italy Chapter

Dopo la laurea in “Scienze della Moda e del Costume” all’Università La Sapienza di Roma continua la sua formazione a Milano specializzandosi nella Consulenza d’immagine con i migliori formatori presenti in Italia. Parallelamente al percorso universitario, approfondisce gli studi sulla Comunicazione verbale, paraverbale, non verbale e PNL (Programmazione Neuro Linguistica) nella Public Communication University di Roma. Le due formazioni le hanno permesso di consolidare le conoscenze sul ruolo dell’abbigliamento inteso come elemento  persuasivo nella comunicazione non verbale. Esperta nella gestione dell’immagine pubblica, lavora e collabora con importanti realtà private e aziendali. Nella consulenza aziendale supporta le organizzazioni, che necessitano di creare un’immagine aziendale coordinata, solida e coerente capace di comunicare coerentemente il valore del proprio lavoro, progettando e ideando divise aziendali e/o educando i team al corretto Dress Code aziendale. Nella Consulenza ai privati affianca le donne nella ricerca di un abbigliamento intelligente  e valorizzante in grado di trasferire il messaggio voluto a se stesse al proprio interlocutore. Dal 2019 è membro di AICI Italy Chapter.

Tesoriere e segretario dell’associazione consulenti d’immagine AICI Italy Chapter da giugno 2019 a giugno 2021

Per ulteriori informazioni potete consultare il suo profilo LinkedIn oppure visitare il suo sito www.ilariamarocco.it

Logo aif formatori

I materiali del corso