Guida alle migliori app per la gestione professionale

Come organizzare il lavoro del consulente d'immagine

Gli ultimi anni, e in particolar modo il lockdown degli ultimi mesi, ha stravolto le nostre vite con il definitivo ingresso del digitale nel nostro quotidiano. Lo smart working, ad esempio, è diventato una parte fondamentale delle nostre professioni. Call conference, meeting online e telefonate con i clienti sono all’ordine del giorno e, in queste situazioni, è spesso necessario prendere o consultare appunti. Ritrovare il nostro lavoro sempre nello stesso posto sugli smartphone o laptop è senza dubbio un punto a favore per la nostra comodità. Ecco che qui entrano in gioco le app gestionali per aiutarci in questo intento. E non solo, l’organizzazione del nostro lavoro può cambiare in un batter d’occhio!

 

Cosa sono le app gestionali

Il punto forte di queste applicazioni è la versatilità e la libertà di utilizzo che fa sì che ogni app si adatti alle proprie specifiche esigenze e necessitài:

  • prendere nota di quello di cui si è discusso (con un cliente ad esempio) nel corso di una riunione
  • fare liste
  • tenere schede riepilogative dei clienti assistiti
  • tracciare obiettivi da raggiungere
  • registrare le presenze/assenze

Un altro grande vantaggio di queste applicazioni è proprio il fatto che lavorano in cloud. Questo consente di condividere sempre in maniera semplicissima il materiale di lavoro con qualcun altro. E allora si può dire addio per sempre a tutto quel cartaceo inutile: niente più foglietti, fogli volanti o carte sparse sulla scrivania o dimenticate in borsa.

 

Come si può organizzare il lavoro attraverso le app

Tracciamo qui una panoramica di quelli che sono i principali strumenti e le utilities che possono semplificare e aiutare nella gestione del nostro lavoro.

Evernote

Grazie a questa applicazione di avrà la possibilità di prendere appunti in ogni momento anche sul nostro smartphone. Questo è  indubbiamento il primo passo da compiere verso l’efficacia della gestione del lavoro. Si tratta di un’applicazione molto popolare che non serve solo a prendere appunti, ma anche a:

  • allegare foto, file audio, documenti di Microsoft Office e PDF
  • creare le cosiddette to do list
  • associare agli appunti creati dei promemoria
  • condividere i file creati con chiunque tu voglia

Parliamo, insomma, di un’app estremamente versatile che consente di svolgere diverse funzioni: un vero “must have” del professionista moderno.

 

Simple Mind 

 Questa, rispetto all’app precedente, offre possibilità molto differenti. Serve sempre ad annotare appunti, ma la modalità è completamente diversa: Simple Mind consente di realizzare delle vere e proprie mappe mentali in maniera estremamente semplice.

Si potrà infatti:

  • schematizzare concetti
  • creare rappresentazioni grafiche
  • sfruttare colori, immagini, foto, link ecc.
  • scaricare ogni schema che hai realizzato in formato PDF per poterlo successivamente sfruttare su qualsiasi piattaforma.

 

OneNote

Si tratta di un’app di gestione note e appunti prodotta da Microsoft e che consente una grande autonomia e libertà di lavoro.

Permette di:

  • digitare e scrivere
  • disegnare liberamente (come con carta e penna) da qualsiasi dispositivo
  • ritagliare con molta facilità pagine web.
  • convertire gli appunti scritti a mano in testo modificabile.

Oltre a queste applicazioni per la scrittura (o comunque per i file), esistono anche applicazioni per la produttività, per organizzare al meglio la giornata e per la gestione aziendale.

 

Chi è il consulente d’immagine

Queste app risultano dunque utili alle più svariate figure professionali, tra cui anche quella del consulente d’immagine. Questi, è colui che fornisce un servizio dedicato al miglioramento dell’aspetto attraverso il modo di vestirsi, muoversi, presentarsi. Nel suo lavoro quindi, la gestione della giornata, la lista degli obiettivi, la condivisione del materiale e dei suoi clienti può essere organizzata al meglio tramite queste soluzioni appena prese in considerazione. Questo approccio digitale all’interno del lavoro, può rivoluzionare la sua vita.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Scopri tutta l'offerta formativa dell'Accademia Consulenza di Immagine

Compreso
nel prezzo:

- kit Tool
- kit facial shape

Corso
base
online

Il prossimo corso
inizierà a gennaio 2021

Early Bird fino al 30/12/20
€ 1.600,00 iva compresa

Dal 31/12/20
€ 1.900,00 iva compresa

Corso base pop up (1)

Ilaria Marocco

Isabella Ratti

COME DIVENTARE

CONSULENTE D'IMMAGINE

LA PROFESSIONE DEL FUTURO

Un manuale esaustivo e interdisciplinare perfetto per aspiranti image consultant, personal shopper o appassionati del settore. È un concentrato dell’esperienza delle due autrici e della loro passione per la loro professione e per l’insegnamento.

Ilaria Marocco

The Business Dresscoder
Secretary & Treasurer AICI Italy Chapter

Dopo la laurea in “Scienze della Moda e del Costume” all’Università La Sapienza di Roma continua la sua formazione a Milano specializzandosi nella Consulenza d’immagine con i migliori formatori presenti in Italia. Parallelamente al percorso universitario, approfondisce gli studi sulla Comunicazione verbale, paraverbale, non verbale e PNL (Programmazione Neuro Linguistica) nella Public Communication University di Roma. Le due formazioni le hanno permesso di consolidare le conoscenze sul ruolo dell’abbigliamento inteso come elemento  persuasivo nella comunicazione non verbale. Esperta nella gestione dell’immagine pubblica, lavora e collabora con importanti realtà private e aziendali. Nella consulenza aziendale supporta le organizzazioni, che necessitano di creare un’immagine aziendale coordinata, solida e coerente capace di comunicare coerentemente il valore del proprio lavoro, progettando e ideando divise aziendali e/o educando i team al corretto Dress Code aziendale. Nella Consulenza ai privati affianca le donne nella ricerca di un abbigliamento intelligente  e valorizzante in grado di trasferire il messaggio voluto a se stesse al proprio interlocutore. È membro AICI e dal 2019 parte del Board del capitolo Italiano.

Per ulteriori informazioni potete consultare il suo profilo LinkedIn oppure visitare il suo sito www.ilariamarocco.it

I materiali del corso