Dress code: come vestirsi senza sbagliare

Lavoro, eventi e cerimonie con l'abito perfetto per ogni occasione

Cosa significa Dress code? Ma, soprattutto, come avere un dress code sempre perfetto senza sbagliare? Ogni contesto è diverso e richiede un outfit specifico: che si tratti di lavoro, della vita di tutti i giorni, oppure di un’occasione elegante, trovare l’abito adatto non è affatto semplice.

Vediamo quindi come vestirsi senza sbagliare.

 

Cos’è il dress code

Dress code letteralmente significa “abbigliamento codificato” o “codice di abbigliamento”. Indica, quindi, un abbigliamento consono alla situazione contestuale e modulato in base alla cultura e all’epoca in cui ci si trova. Questo vuol dire che non esiste un dress code univoco, e che questo dipende da molteplici fattori che mutano e si evolvono nel tempo. Dipende, quindi, anche dal proprio gusto personale e soprattutto dal rispetto verso gli altri.

In alcuni casi il dress code coincide con la divisa, ad esempio per i medici, gli avvocati durante le udienze o le forze dell’ordine. In altri casi, invece, non è così semplice definirlo. Nella realtà aziendale, ad esempio, non esistono divise. Questo non vuol dire però che non esista nessun codice di abbigliamento: spesso, infatti, coincide con lo stile dell’azienda, con la sua immagine e con ciò che si vuole trasmettere al pubblico.

L’obiettivo è quindi quello di essere sempre coerenti, credibili e a proprio agio. Per farlo è necessario capire quali sono le regole di uno specifico ambiente, anche se non sempre vengono specificate oralmente o verbalmente. Per riuscirci, in questi casi, è bene osservare gli altri e prenderli ad esempio. Questo non vuol dire però che bisogna snaturarsi indossando qualcosa in cui non ci si sente a proprio agio: come sempre, la chiave è trovare la giusta via di mezzo.

 

Come vestirsi senza sbagliare 

All’interno del dress code, vi sono vari codici di abbigliamento. É importante conoscerli e saperli distinguere, per poterli usare al meglio e nella giusta occasione.

Vediamoli nel dettaglio:

  • Abbigliamento casual: è quell’abbigliamento intelligente utilizzabile 24 su 24. Dalla mattina per andare a lavoro, proseguire per un aperitivo e infine una cena non formale magari cambiando qualche accessorio (scarpe, borsa, gioielli) e si compone di abiti al ginocchio, boleri e giacche da abbinare a camicie o bluse e anche al jeans scuro con lavaggio omogeneo. L’abbigliamento da cocktail fa parte delle occasioni speciali;
  • Abbigliamento casual chic: in questo caso si tratta di una situazione leggermente più formale della precedente. Questo vuol dire che un jeans è adatto solo se nero o molto scuro. È comunque preferibile optare per un pantalone con taglio dritto da abbinare ad una camicia ed un paio di tacchi. Anche una gonna ed un abito non troppo elaborato, né troppo corto possono essere presi in considerazione;
  • Abbigliamento semi formale: questo tipo di abbigliamento può essere associato ad eventi, cocktail party o situazioni simili. In questo caso è opportuno indossare un vestito di classe al ginocchio, o leggermente sopra, oppure un tubino nero. È bene fare sempre attenzione all’orario: i colori scuri sono adatti ad eventi serali, mentre per un evento diurno è consigliabile optare per un colore chiaro;
  • Abbigliamento formale: è il classico tailleur quindi giacca e pantalone o gonna preferibilmente dello stesso colore e tessuto;
  • Dress code d’occasione: comprende eventi che hanno luogo la sera, quindi cene, cocktail e balli. Questi possono quindi richiedere un abito formale, elegante e lungo.

 

L’abito giusto per ogni occasione

La chiave per essere vestiti in maniera impeccabile in qualsiasi situazione è saper distinguere tra le varie tipologie di situazioni e scegliere cosa indossare di conseguenza. È importante sottolineare che il buon senso ed il gusto personale fanno sempre la loro parte, ed è giusto affidarsi ad essi.

In linea generale è poi consigliabile, quando si è in dubbio, affidarsi alla regola del “meno è meglio”. Questo perché essere vestiti in modo molto appariscente contribuisce ad essere posti al centro dell’attenzione, e non sempre ciò è un bene. Affidarsi dunque a qualcosa di semplice ma elegante può essere la scelta giusta!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Scopri tutta l'offerta formativa dell'Accademia Consulenza di Immagine

Ilaria Marocco

Isabella Ratti

COME DIVENTARE

CONSULENTE D'IMMAGINE

LA PROFESSIONE DEL FUTURO

Un manuale esaustivo e interdisciplinare perfetto per aspiranti image consultant, personal shopper o appassionati del settore. È un concentrato dell’esperienza delle due autrici e della loro passione per la loro professione e per l’insegnamento.

Ilaria Marocco

The Business Dresscoder
Secretary & Treasurer AICI Italy Chapter

Dopo la laurea in “Scienze della Moda e del Costume” all’Università La Sapienza di Roma continua la sua formazione a Milano specializzandosi nella Consulenza d’immagine con i migliori formatori presenti in Italia. Parallelamente al percorso universitario, approfondisce gli studi sulla Comunicazione verbale, paraverbale, non verbale e PNL (Programmazione Neuro Linguistica) nella Public Communication University di Roma. Le due formazioni le hanno permesso di consolidare le conoscenze sul ruolo dell’abbigliamento inteso come elemento  persuasivo nella comunicazione non verbale. Esperta nella gestione dell’immagine pubblica, lavora e collabora con importanti realtà private e aziendali. Nella consulenza aziendale supporta le organizzazioni, che necessitano di creare un’immagine aziendale coordinata, solida e coerente capace di comunicare coerentemente il valore del proprio lavoro, progettando e ideando divise aziendali e/o educando i team al corretto Dress Code aziendale. Nella Consulenza ai privati affianca le donne nella ricerca di un abbigliamento intelligente  e valorizzante in grado di trasferire il messaggio voluto a se stesse al proprio interlocutore. È membro AICI e dal 2019 parte del Board del capitolo Italiano.

Per ulteriori informazioni potete consultare il suo profilo LinkedIn oppure visitare il suo sito www.ilariamarocco.it

I materiali del corso