Image Consultant: 5 buoni motivi per diventarlo

Diventare consulente d’immagine significa non solo trasformare una passione in una professione, ma inserirsi in un segmento di mercato altamente competitivo in cui la predisposizione e il senso estetico, per quanto possano essere una buona base, non sono sufficienti. Le competenze tecniche, oltre a quelle teoriche, e la pratica sono essenziali per poter esercitare con soddisfazione professionale ed economica questa attività. Vediamo quindi 5 buoni motivi per intraprendere questo percorso professionale che ti possiamo anticipare essere: 

  • Mestiere dinamico
  • Competenze trasversali
  • Aiutare le persone ad esprimere la migliore parte di sé stessa
  • Clientela privata e business
  • Professione del futuro.

Mestiere dinamico

Come tutti coloro che intraprendono una professione nel mondo dell’immagine, anche il consulente d’immagine deve essere consapevole che gran parte del fascino e dell’efficacia della propria attività deriva dal suo essere sempre al passo con i tempi

Non che l’image consultant sia una “fashion victim” ma deve essere sempre sulla cresta dell’onda per quanto riguarda le ultime tendenze in termini di mode estetiche e non solo. Solo a titolo esemplificativo è opportuno ricordare che un image consultant che vive in modo consapevole e completo la propria professione dovrebbe non solo seguire le sfilate della moda uomo e donna, ma anche i trend in ambito digitale per potersi promuovere sempre al meglio: infatti, scegliere la piattaforma di comunicazione più adatta per intercettare il proprio target consente di aumentare il proprio portafoglio clienti. 

Schermata 2022 09 05 alle 16 19 39

Competenze trasversali

Quando si pensa al consulente d’immagine, lo stereotipo vuole associare questa figura professionale ad un soggetto che conosce settorialmente solo il mondo della moda e dell’immagine in senso lato. Sebbene questi argomenti siano una parte essenziale del mestiere dell’image consultant, ne costituiscono solo la base: le quattro analisi sono infatti le fondamenta sulle quali è fortemente consigliato apprendere alcune nozioni (almeno quelle basilari) sul dresscode, il power dressing, il personal branding ma anche la comunicazione non verbale. 

In particolare, su quest’ultimo elemento è opportuno ricordare come l’abbigliamento e gli accessori siano tutti elementi che nutrono la comunicazione non verbale di una persona e contribuiscono quindi ad esprimere il macro-messaggio che un soggetto vuole inoltrare al proprio interlocutore. 

Ecco, quindi, che accanto alla conoscenza approfondita, teorica e pratica sull’armocromia, è preferibile che il consulente d’immagine abbia competenze trasversali che spaziano anche in ambiti che non appartengono, canonicamente, alla propria professione. 

Aiutare le persone ad esprimere la versione migliore di sé

Diventare consulente d’immagine significa anche avere una mission molto importante dal punto di vista etico: aiutare la persona che si è rivolta a te, chiedendo aiuto, ad esprimere la versione migliore di sé attraverso delle scelte estetiche. 

Schermata 2022 09 05 alle 16 19 18

Su questo aspetto è opportuno chiarire un fatto: il ruolo del consulente d’immagine non è quello di svuotare l’armadio e di eliminare i capi d’abbigliamento (fare decluttering) “che non sono in palette”, quanto piuttosto fornire gli strumenti al proprio cliente per poter utilizzare nel migliore modi possibile anche quei vestiti o accessori che potrebbero “non essere in palette”.

La base per poter esprimere al meglio la propria versione di sé non è l’armocromia, ma la palette personalizzata che viene creata, su misura, dal consulente d’immagine che, avendo instaurato un rapporto con il proprio cliente, la realizza. 

Clienti privati e business

Diventare consulenti d’immagine vuol dire poter scegliere di lavorare con i privati, ma anche e soprattutto con le aziende. Chiaramente i servizi che possono essere proposti sono diversi: ad esempio, avevi mai pensato che alcuni brand potrebbero aver bisogno di te per realizzare le divise? Questo capo d’abbigliamento, solo in apparenza così semplice, svolge il ruolo molto importante di costituire l’immagine dell’azienda e rispecchiarne i valori. 

Bisogna poi considerare anche un tipo di clientela “ibrida” ossia i grandi manager o imprenditori che desiderano avere un’immagine professionale coerente con quella dell’azienda che devono e vogliono rappresentare.

Schermata 2022 09 05 alle 16 19 59

È la professione del futuro

Avere un’immagine efficace, collegata ad una strategia di personal branding e comunicazione non verbale che non lasci nulla al caso, è una necessità in forte crescita. L’ondata pandemica ha portato le persone a riflettere molto sul modo in cui si pongono dal punto di vista esteriore e, alcuni di essi, stanno manifestando il bisogno di cambiare. 

Allo stesso modo molte aziende hanno la necessità di riposizionarsi e cambiare l’immagine che i consumatori avevano di sé: ecco quindi che, alla luce di questi elementi, è giustificato affermare che il consulente d’immagine è uno dei mestieri del futuro. 

Inserirsi in questo segmento di mercato può non essere semplice, ma grazie a competenze teoriche solida e ad una pratica che non lascia spazio all’errore potrai diventare un professionista affermato in questo settore. 

Se vuoi anche tu diventare un consulente d’immagine, iscriviti al nostro corso Professional Trainer: ci sono ancora pochissimi posti disponibili e uno di questi potrebbe essere il tuo biglietto di sola andata per il successo. 

IDI: CHE-219.009.530 IVA
©2022 Accademia Consulenza Immagine

Crediti: kreas.it

Aici member logo new (1)
Logo internation color analysis bianco
Logo aif formatori

Scopri tutta l'offerta formativa dell'Accademia Consulenza di Immagine

Scarica ora l’ebook gratuito

Compila il form e riceverai il link per scaricare l'ebook!

Ilaria Marocco

Isabella Ratti

COME DIVENTARE

CONSULENTE D'IMMAGINE

LA PROFESSIONE DEL FUTURO

Un manuale esaustivo e interdisciplinare perfetto per aspiranti image consultant, personal shopper o appassionati del settore. È un concentrato dell’esperienza delle due autrici e della loro passione per la loro professione e per l’insegnamento.

Ilaria Marocco

The Business Dresscoder
Membro AICI Italy Chapter

Dopo la laurea in “Scienze della Moda e del Costume” all’Università La Sapienza di Roma continua la sua formazione a Milano specializzandosi nella Consulenza d’immagine con i migliori formatori presenti in Italia. Parallelamente al percorso universitario, approfondisce gli studi sulla Comunicazione verbale, paraverbale, non verbale e PNL (Programmazione Neuro Linguistica) nella Public Communication University di Roma. Le due formazioni le hanno permesso di consolidare le conoscenze sul ruolo dell’abbigliamento inteso come elemento  persuasivo nella comunicazione non verbale. Esperta nella gestione dell’immagine pubblica, lavora e collabora con importanti realtà private e aziendali. Nella consulenza aziendale supporta le organizzazioni, che necessitano di creare un’immagine aziendale coordinata, solida e coerente capace di comunicare coerentemente il valore del proprio lavoro, progettando e ideando divise aziendali e/o educando i team al corretto Dress Code aziendale. Nella Consulenza ai privati affianca le donne nella ricerca di un abbigliamento intelligente  e valorizzante in grado di trasferire il messaggio voluto a se stesse al proprio interlocutore. Dal 2019 è membro di AICI Italy Chapter.

Tesoriere e segretario dell’associazione consulenti d’immagine AICI Italy Chapter da giugno 2019 a giugno 2021

Per ulteriori informazioni potete consultare il suo profilo LinkedIn oppure visitare il suo sito www.ilariamarocco.it

Logo aif formatori

I materiali del corso